This is Photoshop's version of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci. Proin gravida nibh vel veliau ctor aliquenean.

FOLLOW ME ON INSTAGRAM

+01145928421
[email protected]

Un cane sotto la scrivania o un gatto sopra per lavorare con il sorriso. E’ nel giorno del Blue Monday, che arrivano i dati di una ricerca della University of Lincoln secondo cui portarsi il proprio animale domestico in ufficio fa registrare un aumento significativo della capacità di concentrarsi e un maggior livello di benessere. Secondo la ricerca le persone che portano spesso il proprio cane in ufficio hanno una maggiore soddisfazione nella gestione casa-lavoro(+14,9%)e una superiore qualità di vita lavorativa(+16,9%). Migliorano anche la concentrazione sul proprio lavoro(+33,4%)e il benessere generale(+4,7%). Ma ci sono vantaggi anche per l’impresa. Lo conferma Purina, azienda del settore PetCare che ha supportato lo studio e che negli uffici di Assago e Portogruaro ha realizzato un ambiente pet-friendly. Purina, attraverso la “Pets at Work Alliance”, promuove  la creazione di un ambiente lavorativo aperto agli animali. Anche

Nell’era post covid-19 le marche dovranno sempre più saper creare valore, un valore fortemente legato a due aspetti: la qualità dei prodotti offerti e l’emozione legata al mondo del brand. Ne parliamo con Giacomo Sacco, Marketing Manager, Espo & Cartotec Spa. Per differenziarsi ed essere competitive, le aziende dovranno capire cosa è cambiato nel comportamento del consumatore, per trovare le chiavi di comunicazione giuste e saper suscitare emozioni. Ma non solo. Anche la Customer Experience andrà ripensata e, per farlo, serviranno nuovi strumenti fisici di teatralizzazione dei punti vendita e di costruzione di percorsi ottimali con segnaletica più utile per gli shoppers, ma anche strumenti di competenza e formazione degli addetti per poter essere sempre più consulenti e sempre meno commessi nei confronti dei consumatori. Fonte: Retail Institute Italy #RIpodcast #emotionsdrivesales #theemotionsfactory

Nel retail post covid, ma ancora non covid free, il layout dei negozi si ripensa. La National retail federation (Nrf), l’associazione del retail americana, ha stilato una lista di consigli per affrontare il difficile periodo se non al massimo, almeno al meglio. La parola d’ordine rimane Flessibilità. Dimentichiamo i mattoni e rendiamo il negozio il più agilmente modificabile possibile. Rafforzare l’online. Rendiamolo più pratico, facile e meno oneroso possibile. La sicurezza va comunicata in maniera empatica ma soprattutto chiara. Essere propositivi. La retail experience in cui si invitava il cliente a cercare, frugare, intrattenersi non c’è più, meglio proporgli soluzioni d’acquisto facili e pratiche. Ripensare la “caccia all’affare”. Incoraggiare gli appuntamenti per lo shopping. Limitare il numero dei clienti e creare uno spazio di transizione all’ingresso. Il “try-on”, un classico del mondo del beauty, sarà sostituito da campioncini monouso. Evitare

Nel momento dell'inizio della fase 3 vogliamo ribadire il ringraziamento a tutte le persone che durante tutto il periodo dell'emergenza sono venute a lavorare in hashtag#EspoeCartotec permettendo alla nostra azienda di mantenere anche durante la pandemia il livello di servizio che ci ha sempre caratterizzato. Questa scelta è stata resa possibile grazie alla passione, alla responsabilità e al senso etico e civico di tutto il nostro personale, al quale vogliamo dedicare il nostro nuovo video istituzionale [embed]https://youtu.be/wmX1eS_6CmU[/embed]

È stata lanciata la settimana scorsa Salvacoda, un’App per affrontare la “ripartenza” nei quindici Centri Commerciali gestiti da Ethos. Un progetto digitale innovativo, come spiega Davide Petrucci, responsabile marketing di Ethos. “abbiamo chiesto a Ideasfera di creare una piattaforma di comunicazione customer oriented, per consentire alle persone di venire nei nostri Centri commerciali in modo sicuro e soprattutto in base alle loro esigenze. Non sono, i centri commerciali a dire al cliente quando può venire ma lo mettono in condizione di entrare, senza creare sovraffollamento, nel giorno e nella fascia oraria preferita. In questi mesi di lockdown c’è stato un incredibile “acculturamento digitale” e hanno iniziato ad utilizzare le app anche persone in una fascia d’età più avanzata, solitamente lontana dalla digitalizzazione. Ecco perché, nel lanciare questo sistema, abbiamo utilizzato un claim che ci sembra molto incisivo: “Fare la fila

Dire che l’impatto dell’emergenza Covid-19 a livello personale, sociale, economico, politico, psicologico è enorme è scontato, la crisi Coronavirus finirà (o forse è già) sui libri di storia e sarà ( o forse è già) motore di cambiamenti fortissimi nei nostri stili di vita e probabilmente nel nostro stesso approccio alle relazioni sociali. Quali saranno però questi cambiamenti è molto difficile dirlo ora, proprio perché l’impatto è talmente forte sul nostro stile di vita che è veramente arduo intuire quali saranno le reazioni delle persone (prima che dei consumatori) per adattarsi al nuovo ambiente. Tali reazioni saranno sicuramente, come sempre, influenzate dalla cultura, dalla storia, dalle caratteristiche delle diverse popolazioni e probabilmente saranno diverse nei diversi contesti geografici e sociali. Nella mia personale opinione l’emergenza Covid ha 2 facce: una rivolta al futuro ed una al passato. Nella faccia rivolta al futuro il

L’emergenza Covid-19 ha accelerato la spinta sul fronte digitale, ma ha di fatto confermato che la relazione diretta e personalizzata con il cliente è fondamentale. Quali strategie promozionali stanno implementando le aziende del retail per porre le basi di un nuovo rapporto con i consumatori? A fronte di una contrazione del giro d’affari, come ottimizzare gli investimenti in comunicazione nel post lockdown? Quali driver per aumentare la loyalty? Questi i temi del webinar che si terrà venerdì 29 maggio alle ore 10.00. Partendo dall’anteprima dei dati emersi dall’indagine realizzata da Promotion Magazine, Amagi e Retail Institute Italy su strategie di marketing e investimenti, approfondiremo il tema a pochi giorni dall’avvio della fase2. Interverranno: • Daniele Cazzani, Head of Promotions and Customer Experience, Salmoiraghi&Viganò • Simone Pescatore, Head of Marketing and Communications, Bennet • Paolo Porcelli, Direttore Commerciale Italia ed estero,

 Gli italiani ritornano ai negozi. Soprattutto a quelli di bricolage, di animali, per la pulizia della casa, alle librerie. A dirlo è l’Osservatorio Stocard che fotografa l’andamento dei principali settori merceologici, grazie all’applicazione che consente di digitalizzare tutte le carte fedeltà nel proprio smartphone, nella settimana tra il 4 e l’11 maggio. L’indagine si è concentrata sugli acquisti degli italiani nella prima settimana della Fase 2 e nell’ultima di lockdown (27 aprile-3 maggio). Incrociando poi questi dati con gli acquisti della settimana precedente allo scoppio dell’emergenza. Nel mondo del bricolage, le vendite sono tornate quasi ai livelli pre-Covid 19, ma anche nelle librerie, nei negozi di animali e per la pulizia della casa, nei negozi per l’infanzia e per l’elettronica di consumo. Meno sostenuti gli acquisti nei supermercati, che di fatto non si sono mai fermate. Gli italiani hanno ripreso a

L'appuntamento con MPV e POPAI Award viene rimandato al 2021 ecco la sintesi del comunicato ufficiale “Nel contesto attuale, la fiera commerciale MPV (Marketing Point of Sale) e il concorso POPAI AWARDS PARIS non potranno svolgersi neppure nelle date di posticipo annunciate (ovvero dal 26 al 28 maggio 2020). Reed Expositions France, in accordo con POPAI France, annuncia che questi due eventi si terranno nel 2021” Il tradizionale appuntamento con tutto il mondo del POP è quindi rimandato all’anno prossimo; sarà l’occasione per ritrovarci con tutti i protagonisti del nostro settore in una edizione veramente speciale, nella quale saranno in mostra tutte le più belle soluzioni espositive dell’ultimo biennio.

Finalmente da  lunedì 18 maggio, possono riaprire i ristoranti, ma si dovranno rispettare precise procedure di salvaguardia della salute, fondamentali per noi tutti. Per aiutare i ristoratori a riaprire, soprattutto quelli con numero di coperti limitato, e i clienti a frequentarli in piena sicurezza, abbiamo introdotto nel nostro catalogo Safety kit una soluzione studiata appositamente per i ristoranti: Safety kit Ristorazione, un pannello in plexiglass montato su una struttura di acciaio, provvista di ruote, per poterlo facilmente spostare da un lato all’altro del locale. Il prodotto consente la divisione fra i tavoli, mantenendo l’atmosfera sociale del ristorante e la tutela della salute di tutti i clienti. Puoi scaricare subito il catalogo completo Espo Safety Kit  cliccando sul link: https://www.espocartotec.com/wp-content/uploads/2020/05/SAFETY-KIT-Catalogo-Completo13_05-1.pdf  

Il Covid-19 ha cambiato le nostre vite, e continuerà a cambiarle per molto tempo ancora. Molti retailer e molti produttori sono precipitati in un Futuro che non pensavano nemmeno gli appartenesse: come rstoranti di lusso, che hanno dovuto ripensare le catene di valore passando da luoghi esclusivi in abito da sera a takeaway con app di consegna a domicilio; come qualsiasi rosticceria Ma a settare la nuova Normalità non sono solo le norme di sicurezza o le imposizioni dei governi. Sono cambiati anche i consumatori: i loro gusti, le loro priorità, i loro sogni e i loro bisogni. Il cervello di ognuno di noi sta riordinando il nuovo modo di guardare al quotidiano, passando dalla ricerca dell’opzione “più gratificante” a quella “meno stressante”. Il mondo, insomma, è cambiato. Ora tocca a noi cambiare insieme a lui. Vincerà chi saprà innovare,

Il 14 maggio 2020 dalle 09.45 alle 12.45 si terrà il webinar “Green Retail: il negozio sostenibile” Retail Institute Italy inaugura così un nuovo percorso tematico, che sarà declinato tra fisico e virtuale, attraverso attività formative, pillole periodiche, focus all’interno degli appuntamenti principali, per creare opportunità di aggiornamento, informazione e confronto e, per supportare concretamente le aziende dei diversi settori del retail nell’individuare soluzioni e strumenti per la realizzazione di un’economia circolare. In questo primo webinar, affronteremo il tema della sostenibilità in-store, dagli scenari ai materiali utilizzati nello sviluppo del concept, alle azioni di “education” verso i consumatori e i dipendenti. Interverranno: Marco Zanardi, Presidente Retail Institute Italy; Massimo Duroni, Architetto. Saranno presentate delle case history a supporto dei diversi argomenti trattati. Per informazioni: [email protected]

Quale sarà l’impatto sui consumi ? E quali sono i trend della fase post-Covid? Se lo è chiesto Bain & Company, società di consulenza internazionale. I retailer dovranno ripensare ed “attualizzare” la loro risposta alla nuova-normalità che ci aspetta, riscontra Andrea Petronio, partner della società. Sono 6 le tendenze di consumo che si stanno delineando 1) Compra online. . Il lockdown ha incentivato la spesa online ma, se il fermo terminerà, il ricorso all’e-commerce invece rimarrà. 2) Compra italiano. attenzione alla provenienza e al Km zero, vissuto oltre che come garanzia di freschezza e salubrità, anche in termini di solidarietà con la comunità di appartenenza 3) Condividere è bene. Continuerà la solidarietà, e i consumatori saranno particolarmente attenti al ‘non essenziale’, incrementando il ricorso alla sharing economy, a beneficio anche di un pianeta che “respira meglio/meno inquinato”. 4) Insieme è bello. La vita in famiglia ha fatto riscoprire alcune

Con piccoli accorgimenti quotidiani si può costruire una barriera per arginare la diffusione del coronavirus. Nei supermercati finlandesi è in test una maniglia per l’apertura a braccio delle vetrine refrigerate. I murali frigo, nei punti vendita più moderni e attenti all’ambiente, sono infatti chiusi come lo sono gli scomparti dedicati ai surgelati. Per acquistare la merce al loro interno, come un vasetto di yogurt o una bottiglia di latte, è quindi necessario aprirli, toccando la maniglia: un’azione banale, ma di questi tempi osservata speciale. Su quella superficie, infatti, potrebbe trovarsi il coronavirus e se una persona dopo aver usato la maniglia si dovesse portare la mano agli occhi o alla bocca correrebbe il rischio di essere contagiata. La nuova maniglia vuole evitare questo: è stata studiata per permettere l’apertura con l’avambraccio, rendendo l’operazione più igienica e sicura, una sorta di

L’emergenza COVID-19 non deve e non può immobilizzare le nostre attività quotidiane e commerciali e allo stesso tempo dobbiamo salvaguardare la salute di tutti noi. E&C ha deciso di  utilizzare la propria esperienza di attività nei punti vendita per creare una serie di strumenti utili ed efficaci che possano aiutare e proteggere, in questo momento di emergenza, gli operatori delle catene distributive, delle farmacie e di tutti i punti  vendita: Espo Safety Kit *Consente lo shopping in sicurezza in qualsiasi punto vendita *Protegge dai contatti diretti rimanendo visibili e disponibili *Progettato da esperti di Shopper Marketing e prodotto con materiali di alta qualità *Protegge gli operatori e tutela i consumatori *Personalizzabile con il logo della vostra attività Scarica subito il catalogo completo Espo Safety Kit premendo cliccando sul link: https://www.espocartotec.com/wp-content/uploads/2020/04/SAFETY-KIT-Catalogo-Completo-def..pdf E&C vuole ringraziare medici e infermieri che stanno lavorando per salvaguardare la vita dei ns cari ma anche tutti