This is Photoshop's version of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci. Proin gravida nibh vel veliau ctor aliquenean.

FOLLOW ME ON INSTAGRAM

+01145928421
mymail@gmail.com

Con piccoli accorgimenti quotidiani si può costruire una barriera per arginare la diffusione del coronavirus. Nei supermercati finlandesi è in test una maniglia per l’apertura a braccio delle vetrine refrigerate. I murali frigo, nei punti vendita più moderni e attenti all’ambiente, sono infatti chiusi come lo sono gli scomparti dedicati ai surgelati. Per acquistare la merce al loro interno, come un vasetto di yogurt o una bottiglia di latte, è quindi necessario aprirli, toccando la maniglia: un’azione banale, ma di questi tempi osservata speciale. Su quella superficie, infatti, potrebbe trovarsi il coronavirus e se una persona dopo aver usato la maniglia si dovesse portare la mano agli occhi o alla bocca correrebbe il rischio di essere contagiata. La nuova maniglia vuole evitare questo: è stata studiata per permettere l’apertura con l’avambraccio, rendendo l’operazione più igienica e sicura, una sorta di

L’emergenza COVID-19 non deve e non può immobilizzare le nostre attività quotidiane e commerciali e allo stesso tempo dobbiamo salvaguardare la salute di tutti noi. E&C ha deciso di  utilizzare la propria esperienza di attività nei punti vendita per creare una serie di strumenti utili ed efficaci che possano aiutare e proteggere, in questo momento di emergenza, gli operatori delle catene distributive, delle farmacie e di tutti i punti  vendita: Espo Safety Kit *Consente lo shopping in sicurezza in qualsiasi punto vendita *Protegge dai contatti diretti rimanendo visibili e disponibili *Progettato da esperti di Shopper Marketing e prodotto con materiali di alta qualità *Protegge gli operatori e tutela i consumatori *Personalizzabile con il logo della vostra attività Scarica subito il catalogo completo Espo Safety Kit premendo cliccando sul link: https://www.espocartotec.com/wp-content/uploads/2020/04/SAFETY-KIT-Catalogo-Completo-def..pdf E&C vuole ringraziare medici e infermieri che stanno lavorando per salvaguardare la vita dei ns cari ma anche tutti

Niente più spesa sotto l’ufficio durante la pausa pranzo, né spesa mentre si rientra a casa dopo una giornata di lavoro. In questo periodo di quarantena, gli italiani hanno dovuto modificare le abitudini d’acquisto. Uno su quattro ora fa la spesa al supermercato solo una volta al mese (+124% rispetto al periodo pre-Covid), disincentivati dalle code e dal timore del contagio. Questi i risultati dell’ultima indagine condotta dall’Osservatorio Stocard che ha confrontato le spese effettuate in iper e supermercati nelle quattro settimane comprese dal 16 marzo al 12 aprile con il mese precedente allo scoppio dell’emergenza sanitaria, dal 20 gennaio al 16 febbraio. La fotografia ha tracciato circa 7,3 milioni di italiani, mostrando come i cittadini abbiano ridotto la frequenza con cui si recano nei negozi della grande distribuzione: da una media di 6,6 acquisti mensili registrati tra gennaio e

Nel complesso, continuano ad aumentare le vendite della grande distribuzione. Ad affermarlo sono l’analisi Nielsen e lo studio Iri, relativi alla prima settimana di aprile. Le vendite nella settimana dal 30 marzo al 5 aprile hanno fatto segnare un +2,2%, risultato in linea con quello dei sette giorni precedenti. Gli acquisti online di prodotti di largo consumo sono aumentati del 158%, ritmo leggermente inferiore rispetto a quello della settimana precedente. Il trend positivo si registra nei liberi servizi (da +31% a +36%), nei supermercati (da +14% a + 20%) e nei discount (da+5% a + 13%). Il calo delle vendite riguarda invece gli specialisti drug e gli ipermercati (da -16% a - 20%). Continua il calo dei format Cash & Carry, sul quale pesa la chiusura del canale horeca. Nielsen evidenzia inoltre l’andamento negativo per le specialità pasquali, condizionate dal

In questo periodo di emergenza nazionale crediamo che gli auguri di Pasqua abbiamo un significato particolare ; Pasqua è la festa della Resurrezione, che deve essere di ispirazione per noi tutti in questo momento. La volontà , l’orgoglio e l’intraprendenza degli italiani sono sempre emersi nei momenti più difficili, Il nostro Paese si è sempre rialzato dalle prove peggiori a cui la storia lo ha sottoposto, ci rialzeremo anche questa volta. Buona Pasqua a tutti, augurandoci che questo periodo porti ottimismo e serenità nelle nostre famiglie #iorestoacasa #andratuttobene

7 ore • 7 ore fa    “L’Italia nel tempo sospeso”: dopo tre settimane da una prima valutazione TradeLab e Metrica Ricerche tornano per capire “come gli Italiani stanno affrontando l’attuale situazione di ‘sospensione della normalità’ e sulle loro attese per il futuro”. La ricerca vaglia diversi aspetti, ci soffermiamo al rapporto con i consumi e al retail. Acquisti online. In tre settimane, raddoppia la propensione dei cittadini a effettuare acquisti online. Negozi di vicinato in grande spolvero per tutte le fasce d’età adulte e una nuova scoperta per i giovanissimi della Generazione Z. Farmacie. L’emergenza ha reso più evidenti le doti di servizio delle farmacie sul territorio agli Italiani è piaciuto. Centri commerciali. Qui gli animi si dividono tra chi non vede l’ora che riaprano per ricominciare a fare shopping, mangiare nei ristoranti e viverli come luoghi sociali (37%) e chi

 Il terrore del contagio cambia il modo di acquistare e consumare e spinge i prodotti confezionati. Nei supermercati i consumatori tornano a preferire gli alimenti resi sicuri dagli imballaggi e tralasciano i prodotti sfusi, esposti alla contaminazione invisibile. Le regole igieniche imposte dal contagio per coronavirus spingono anche la plastica usa-e-getta. Ma non tutta la plastica. Sono ancora in difficoltà di mercato i bicchierini e le posate di plastica. Se gli alimenti sfusi — quelli da raccogliere nel sacchettino e con il guanto e da pesare — erano percepiti come più naturali e sani, oggi sembra accadere il contrario: nei supermercati i consumatori sembrano preferire i cibi imballati, i quali vengono percepiti come più sani, igienici e più duraturi nel frigorifero, mentre quelli esposti all’aria sono percepiti come meno igienici, a rischio contaminazione e meno durevoli per le lunghe conservazioni

In questo momento difficile un grazie di cuore va a tutte le persone che ogni giorno vengono a lavorare in #EspoeCartotec permettendo alla nostra azienda di continuare a supportare l’attività dei nostri clienti Durante l’emergenza Covid-19 abbiamo scelto di rimanere operativi, rispettando severamente tutte le procedure richieste dal Ministero della Salute; ogni contatto con i clienti è sviluppato online, senza rischi per la salute, mantenendo il livello di servizio che ha sempre caratterizzato Espo & Cartotec I nostri stabilimenti sono regolarmente aperti e i trasporti sono attivi Questa scelta però è stata resa possibile grazie alla passione, alla responsabilità e al senso etico e civico di tutto il nostro personale, che vogliamo ringraziare una volta di più, in questo momento di emergenza nazionale. #grazieatutti #andratuttobene

In dieci giorni 165 imprese di Puglia, Basilicata e Campania hanno chiesto al Politecnico di Bari supporto per convertire la loro attività nella produzione di dispositivi di protezione dal Coronavirus, da destinare alla popolazione e al personale sanitario: mascherine, tute, camici, visiere e gambali. Il Politecnico ha costituito un gruppo di lavoro, chiamato Riapro  formato da docenti, ricercatori e imprenditori che lavora in collaborazione con la Regione Puglia e l’Università degli Studi per tutti gli aspetti chimico-biologici e medici. I primi campioni sono già in fase di realizzazione. Il Politecnico di Bari ha messo a punto una specifica tecnica per la produzione di mascherine filtranti destinate alla popolazione, concordata con la Protezione civile e alla quale le aziende interessate possono attenersi, con le indicazioni di dimensioni e materiali da utilizzare. «In questo momento difficile – dice il rettore del Politecnico , Francesco Cupertino – abbiamo messo le

L'appuntamento con i POPAI Award 2020 viene posticipato alla fine di maggio, ecco la sintesi del comunicato stampa: A causa delle circostanze dell'epidemia di coronavirus COVID-19, e nel contesto del decisione del governo francese del 29/2/2020, Reed Expositions France, in accordo con il sindacato POPAI France, annuncia che le edizioni 2020 del Salone MPV e dei POPAI Award previsti per il 24-26 marzo 2020, sono posticipati al 26-28 Maggio 2020, sempre a Parigi - Porte de Versailles. Michel Filzi, presidente di Reed Expositions France, ha dichiarato: “la salute dei nostri clienti, dei nostri partner e i nostri dipendenti sono sempre stati la nostra priorità. " "Siamo consapevoli degli svantaggi causati da questa situazione che il contesto impone a tutti i nostri clienti, partner e fornitori. Reed Expositions e POPAI France raddoppieranno i loro sforzi per supportare i propri clienti, espositori

In questo momento di emergenza è fondamentale salvaguardare la salute di chi, per lavoro, è chiamato a svolgere il proprio dovere per tutti noi. Espo & Cartotec ha creato uno strumento utile ed efficace che aiuta e protegge gli operatori delle catene distributive e delle farmacie: Espo Safety Kit Espo Safety Kit è una barriera in plexiglass trasparente, modulare, personalizzabile, da utilizzare alle casse di qualsiasi attività commerciale per proteggersi da contatti diretti con il pubblico, rimanendo visibili e disponibili. Per i supermercati è stata progettata una soluzione ad hoc con un supporto che poggia a terra, adattabile a tutte le casse dei punti vendita E&C vuole ringraziare medici e infermieri che stanno lavorando per salvaguardare la vita dei nostri cari ma anche tutti coloro che, lavorando all'interno di supermercati ipermercati e farmacie forniscono ad ognuno di noi il fabbisogno

L’emergenza COVID-19 non deve e non può immobilizzare le nostre attività quotidiane e commerciali e allo stesso tempo dobbiamo salvaguardare la salute di chi, per lavoro, è chiamato a svolgere il proprio dovere per tutti noi. Espo&Cartotec ha deciso di portare il proprio contributo; abbiamo voluto utilizzare la nostra esperienza di attività nei punti vendita per creare uno strumento utile ed efficace che possa aiutare e proteggere, in questo momento di emergenza, gli operatori delle catene distributive e delle farmacie; EspoSafetyKit EspoSafetyKit è una barriera in plexiglass trasparente, modulare, personalizzabile, da utilizzare alle casse di qualsiasi attività commerciale per proteggersi da contatti diretti con il pubblico, rimanendo visibili e disponibili. Espo&Cartotec vuole ringraziare medici e infermieri che stanno lavorando per salvaguardare la vita dei ns cari ma anche tutti coloro che, lavorando all'interno di supermercati ipermercati e farmacie forniscono ad ognuno di noi il

Durante l’emergenza Covid-19 Espo & Cartotec ha scelto di rimanere operativa, rispettando severamente tutte le procedure richieste dal Ministero della Salute nel DPCM dell’8/3, ma mantenendo il servizio attivo per tutti i propri clienti. I nostri stabilimenti sono regolarmente aperti e i trasporti sono attivi. La nostra scelta vuole essere anche un segnale di reazione civica all’emergenza che va affrontata con responsabilità e cautela, ma anche con volontà di superare le difficoltà e di ritornare alla normalità nel più breve tempo possibile. I nostri uffici rimangono aperti garantendo attraverso adeguate procedure la sicurezza del personale e ogni necessità di contatto con i clienti potrà essere sviluppata online, senza rischi per la salute, ma mantenendo il servizio che in oltre 30 anni di lavoro ha sempre caratterizzato Espo & Cartotec #iorestoacasa  

Il tema della sostenibilità conquista anche la parte più intima dell’abbigliamento personale, dove, fino a oggi, avevano prevalso altre logiche (dall’estetica alla comodità), magari a discapito di altri valori. In concomitanza con la stagione P/E 2020, Intimissimi, marchio del gruppo Calzedonia, svela la prima Green Collection, una linea di intimo, pigiami e maglieria di fibre certificate, contrassegnate da un cartiglio che le renderà riconoscibili all’interno della main collection.La mini collezione si distingue, appunto, perché valorizza l’uso di fibre a basso impatto ambientale, certificate dalle aziende fornitrici, per ciascun tessuto. Ad esempio il pizzo contiene il filato di poliammide, fibra di nylon eco-sostenibile realizzato con materie prime rigenerate. La seta garantisce una catena di produzione della fibra mirata al miglioramento della performance ambientale. Il modal e il bamboo sono ricavati da fonti di legno rinnovabili e sostenibili. Ogni materiale sarà segnalato sul cartiglio del

Ikea è stata premiata con il Retail technology award Europe 2020 per la migliore in-store experience grazie alla soluzione sviluppata da Diebold Nixdorf. Si tratta di iTray, uno strumento basato sul riconoscimento dei prodotti e dotato di intelligenza artificiale, pensato per rendere l’esperienza d’acquisto all’interno dei ristoranti Ikea più semplice e veloce.Con iTray, infatti, al cliente basterà posizionare il vassoio sotto al sensore e procedere al pagamento. In pochi secondi il dispositivo riconoscerà automaticamente i prodotti sul vassoio, senza bisogno di selezionarli manualmente uno ad uno. Antonio Semeraro, payment leader di Ikea Italia, sottolinea:”I clienti apprezzano la rapidità e la funzionalità del nuovo sistema di casse intelligenti che accorciano i tempi di attesa”. Grazie alla cassa self service iTray, inoltre, le code si riducono e lo staff può focalizzarsi sul miglioramento dell’intera esperienza nei ristoranti della catena. Fonte: gdoweek.it